Stampa questa pagina

Gli spazi pubblici sono di tutti

SPAZI PUBBLICI:

URGE IMMEDIATA RIFORMA

SUL REGOLAMENTO COMUNALE

Pensiamo che le iniziative culturali, politiche, sociali, storiche, e tutte quelle che sono capaci di creare aggregazione, siano indispensabili alla crescita morale ed etica di una comunità di cittadini. Crediamo che gli spazi pubblici siano di proprietà dei cittadini e non dell’amministratore di turno. Siamo convinti che ogni azione volta ad ostacolarne, volontariamente o meno, la fruizione sia esecrabile e vada contro l’interesse della comunità.

Il deserto culturale che sta diventando Avola impone a un’amministrazione illuminata, di stimolare, non di reprimere le iniziative pubbliche, da qualunque parte provengano. Gli effetti di tale arretramento infatti non possono che essere nefasti da tutti i punti di vista, non ultimo quello economico.

È inoltre insopportabile ad ogni coscienza democratica l’arbitrio al quale è sottoposta la concessione o meno degli spazi pubblici. Il risultato concreto di una tale politica è la diminuzione drastica delle iniziative pubbliche con un indubbio danno alla vita culturale e sociale della città.

Chiediamo una immediata riforma del regolamento comunale, pensiamo che solo le iniziative a fine di lucro debbano essere penalizzate dal pagamento della tassa comunale. Solo così si potrà dare vita a spazi pubblici altrimenti inutilizzati e creare le condizioni per una rinascita culturale e sociale della nostra città.

La lettera è aperta alle adesioni di associazioni, movimenti e partiti. Di seguito la lista delle attuali associazioni firmatarie:

  1. Circolo SEL Pasolini
  2. Movimento Ales
  3. Associazione Acquanuvena
  4. ANPI Sezione Ida Peyrot
  5. Avola in Laboratorio
  6. Superabili Onlus
Letto 844 volte
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito. Continuando ad utilizzare questo sito web, si stanno dando il consenso al cookie utilizzato. More details…